Workshop SPEX ONLINE

Scopri il tuo
infinito potenziale

I workshop SPEX sono l’occasione di sperimentare  l’utilizzo dell’Autoritratto e del processo creativo per ampliare la percezione che hai di te e per (ri)metterti in contatto con il tuo Io. 

Il percorso completo è articolato in 3 moduli che esplorano 3 aree tematiche: Io / Io e l’ Altro / Io e il Mondo. Per ognuno di questi moduli sono previsti esercizi di autoritratto da fare in autonomia, incontri online di condivisione e di confronto con il gruppo. Il percorso si conclude con la realizzazione di un  progetto autobiografico personale.

The Self-Portrait Experience® – ideato da Cristina Nuñez – consiste in quattro azioni principali

  • la produzione di autoritratti 
  • un lavoro di percezione profonda delle immagini 
  • la costruzione di progetti autobiografici
  • la condivisione e pubblicazione degli stessi (suggerita ma non obbligatoria)

I workshop SPEX sono l’occasione di sperimentare  l’utilizzo dell’Autoritratto e del processo creativo inconscio per ampliare la percezione che hai di te e per (ri)metterti in contatto con il tuo Io. 

Il percorso completo è articolato in 3 moduli che esplorano 3 aree tematiche: Io / Io e l’ Altro / Io e il Mondo. Per ognuno di questi moduli sono previsti esercizi di autoritratto da fare in autonomia, incontri online di condivisione e di confronto con il gruppo. Il percorso si conclude con la realizzazione di un tuo progetto autobiografico personale. 

The Self-Portrait Experience® consiste in quattro azioni principali: 

  • la produzione di autoritratti 
  • un lavoro di percezione profonda delle immagini 
  • la costruzione di progetti autobiografici
  • la condivisione e pubblicazione degli stessi (suggerita ma non obbligatoria)

Come funzionano i Workshop Online

cosa viene chiesto di fare 

struttura del percorso

Il percorso dura 2 mesi ed è diviso in 3 moduli, con esercizi di autoritratto da eseguire in autonomia per ogni modulo: modulo IO (durata 3 settimane), modulo Io e l’Altro (durata 2 settimane), modulo Io e il mondo + costruzione del progetto personale (3 settimane)

Nelle tue mani

Alla fine del percorso avrai il tuo progetto autobiografico in formato digitale e pronto per la stampa

Da dove arrivi?

Se sei qui, probabilmente hai voglia di esplorare la tua interiorità ed incontrare la tua ombra attraverso il linguaggio dell’arte. Non ti riconosci nell’immagine che gli altri hanno di te, guardarti ti provoca spesso disagio. E’ probabile che tu senta che c’è tanto dentro di te che ha bisogno di trovare espressione, di essere raccontato, ma qualsiasi mezzo ti sembra inadeguato, non tuo. O, forse, vivi un momento di forte cambiamento e senti che è importante ritrovare un contatto profondo con Te. Il dispositivo SPEX stimola il processo creativo e ti mette in contatto con le tue emozioni, ti insegna a guardarti anche con altri occhi e ti aiuta a smettere di giudicarti. Se ancora non ti senti pronta o pronto a lavorare con il gruppo, sono disponibili i percorsi individuali. 

informazioni generali

Durata: 2 mesi
Iscrizioni: numero minimo 6 /numero massimo 12
Dove si svolge: piattaforma zoom per incontri online / piattaforma Google Drive
per condivisione lavoro individuale

Hai domande? Consulta le FAQ alla fine della pagina per vedere se la tua risposta è lì!

Date prossimo workshop

Apertura e accesso spazio online: 25 Marzo 2024

Inizio ufficiale workshop: 8 Aprile 2024

Chiusura Workshop: 31 Maggio 2024

CHIUSURA ISCRIZIONI: 31 MARZO 2024 

Calendario incontri

16 Aprile primo incontro online ore 19-21

30 Aprile secondo incontro online ore 19-21

15 Maggio terzo incontro online ore 19-21

31 Maggio incontro di condivisione progetti 20-21

Costo

Il costo del percorso è di 220€ pagabili in un’unica soluzione tramite PayPall o bonifico bancario, oppure rateizzabili in 2 rate, la prima di 120€ da versare al momento dell’ iscrizione, la seconda di 100€ da versare entro il 15 Maggio. 

Partecipa al
workshop SPEX

Compila il form e prenota il tuo
posto al workshop SPEX

FAQ

– leggerai gli esercizi di autoritratto, la metodologia e i criteri di percezione e t’ispirerai con le gallerie di immagini

– produrrai, selezionerai e caricherai le tue foto nelle tue gallerie fotografiche

– imparerai a lavorare sulle molteplici percezioni e sulla scelta delle immagini

– riceverai commenti approfonditi dagli altri partecipanti e da me, e commenterai le foto degli altri partecipanti

– imparerai a far dialogare le immagini tra loro, a costruire sequenze e il tuo progetto autobiografico.

– Sarai in grado di connetterti con gli altri partecipanti e con me via Whatsapp

Dopo aver realizzato gli autoritratti, si fa un lavoro di percezione profonda delle immagini, ossia si “leggono” le immagini applicando dei criteri di percezione strutturati, propri del metodo SPEX che sono: quello estetico-formale, quello della molteplicità, quello della temporalità, quello dell’armonia visiva e quello dell’Io Superiore.

La condivisione delle immagini con il gruppo avviene sempre su scelta volontaria: nessuno è obbligato a condividere nulla, se non lo desidera. Condividere con il gruppo è sicuramente un momento significativo dell’intero processo di esplorazione e di conoscenza di sé; la visione che le altre persone danno delle proprie immagini, aiuta ad ampliare la percezione di sé, arricchendola di punti di vista altri. Fermo restando la preziosità di questa esperienza all’interno del percorso, nessuno è obbligato a condividere nulla con il gruppo. Puoi scegliere di iniziare a condividere le tue immagini – o alcune immagini che non ti va di mostrare – privatamente con me e, se e quando sarai pront*, potrai decidere di condividerle con il gruppo. In alternativa, se vivi con difficoltà la relazione con il gruppo in questa fase della tua vita, puoi considerare i percorsi individuali. 

L’ideale sarebbe di fare una sessione di autoritratto a settimana, a cui va aggiunto il tempo per leggere materiali e – nei percorsi di gruppo – commentare il lavoro degli altri. Diciamo che puoi considerare un impegno di circa 2/3 ore a settimana. 

L’ideale è una fotocamera reflex e un treppiede, ma si può lavorare anche con uno Smartphone e un piccolo treppiede o un bastone tipo selfie stick. Per caricare le immagini e lavorarci l’ideale è possedere un PC e una connessione internet, ma potrai anche dal tuo Smartphone.

+18 per la presenza possibile di immagini di nudità 

Assolutamente no. Lo SPEX è uno strumento di fotografia trasformativa e autoterapeutica. Tuttavia potrebbe smuovere parecchio da un punto di vista emotivo e potresti sentire il bisogno di un supporto psicologico per dare un senso a quello che stai vivendo. Se invece stai già seguendo un percorso di psicoterapia, lo SPEX può fornire materiale utile anche al tuo lavoro personale. 

Dovresti chiederlo al tuo terapeuta. Contattami pure per approfondire il discorso.

Assolutamente sì!  Gli esercizi sono solo stimoli al tuo processo creativo, e puoi lavorarci col tuo linguaggio artistico/fotografico.

Le tue immagini saranno condivise con me e con le persone che parteciperanno al workshop, che potranno scaricarle per commenti e dialoghi tra immagini, ma non potranno in nessun caso mostrarle ad altre persone, né conservarle a conclusione del percorso. 

Avrai tutte le date degli incontri ad inizio percorso, questo per permetterti di poterti organizzare al meglio per esserci. Se proprio dovesse capitare che non puoi partecipare, gli incontri saranno sempre registrati e potrai vedere la registrazione dell’incontro. 

Gli strumenti e gli spazi digitali che utilizzeremo sono alla portata di tutt*. In ogni caso, per gli aspetti più tecnici (come caricare le immagini, come costruire dei dittici, come caricare dei video, etc…) vi fornirò dei video-tutorial. 

Durante l’intero percorso avrai modo di esplorare 3 dimensioni che riguardano il tuo IO (corpo, emozioni, desideri, credenze), la tua relazione con l’Altro (sentimentale, familiare, di amicizia) e la tua relazione con il mondo. Alla fine del percorso, seguendo le mie indicazioni, farai una selezione dei tuoi autoritratti e li raccoglierai in un libro digitale: sperimenterai la meraviglia di comporre un piccolo pezzo della tua storia personale, creando la tua opera d’arte.

Assolutamente no. Ti consiglio sicuramente di esplorare il più possibile, ma anche di ascoltare le tue voglie. Può essere quindi che tu faccia degli esercizi, piuttosto che altri. In ogni caso, durante tutto il percorso, riceverai mie indicazioni su come procedere e su cosa fare. Si tratterà sempre di indicazioni, che potrai scegliere di seguire oppure no. Quello che però mi sembra importante sottolineare è che l’efficacia di questo percorso sta anche nella propria disponibilità a fidarsi e affidarsi al mio sguardo: il mio unico interesse sarà che tu viva al massimo la tua esperienza, unica e diversa da tutte le altre. Se ci fossero esercizi che ti turbano particolarmente, potrai parlarne e rifletterci insieme a me. 

Il viaggio con SPEX è un viaggio innanzi tutto creativo e fortemente soggettivo. Se finito il primo modulo, tu volessi continuare ad esplorare la tua individualità, invece di passare al lavoro sulla relazione, potrai farlo. Così come potrai scegliere di lavorare soltanto sui primi due moduli, in maniera più approfondita. Potrai passare al modulo successivo quando lo vorrai, nei limiti dei tempi del percorso. In ogni caso, il mio invito è sempre a parlarne apertamente con me. 

L’intero percorso con SPEX parte da una scelta libera e volontaria. Alla fine del percorso ci sarà un ultimo incontro, durante il quale ognuno presenterà al gruppo il proprio progetto autobiografico. La condivisione del progetto è un momento molto significativo che celebra non soltanto la conclusione del proprio percorso, ma anche il lavoro che ogni persona ha fatto su di sé. Inoltre, la possibilità di mostrare il progetto ad un pubblico più vasto – non soltanto al proprio gruppo di lavoro – attraverso un’esposizione online, rappresenta un’occasione non soltanto di raccontare sé stessi, ma anche di sensibilizzare le altre persone ad un’immagine di sé più autentica: a richiamare l’attenzione sulle emozioni e sui bisogni umani, a promuovere connessioni tra esseri umani, ad estendere anche ad altre persone l’atmosfera di vicinanza e di “comunanza” sperimentata all’interno del proprio gruppo, durante tutto il percorso. La scelta di questa condivisione, resta volontaria e libera. Chi non vuole condividere il proprio progetto autobiografico, non sarà tenuto a farlo. Ma… parliamone.